LA VOGLIAMO LEGALE!

Sono usciti in questi giorni e sono stati resi noti dall’associazione “Luca Coscioni”, i dati relativi ad una ricerca effettuata da SWG in cui si esprime la volontà, da parte dei cittadini italiani intervistati, di regolamentare il mondo della cannabis e dei suoi derivati.

Secondo lo studio, il 53% degli italiani vorrebbe che sia rivista l’attuale normativa che disciplina le droghe leggere. Tale intervento dovrebbe essere indirizzato verso una maggiore consapevolezza, passando dall’informazione nelle scuole ed arrivando alla totale legalizzazione della Cannabis Sativa Linnaeus.

Ma non è finita qui;

Lo studio prosegue con una domanda banale e semplice, ma non scontata:

  • Come reinvestireste i maggiori introiti per lo stato derivanti dalla “liberalizzazione”?

Il 61% degli intervistati vorrebbe impiegare le maggiori entrate  in fini sociali od in progetti per risollevare le Regioni depresse economicamente.

Il 68% sono favorevoli ad utilizzare questi fondi all’implemento della ricerca e dello sviluppo nello studio della cannabis (e di altre droghe) a fini terapeutici.

Nonostante queste percentuali molto alte, i passi da fare in Italia sono ancora molti. Deve essere disgregata, in primis, l’associazione mentale che collega l’immagine della pianta e delle sue foglie a qualcosa di drogante, sbagliato e da distruggere ad ogni costo. E pensare che, neanche 100 anni fa, la canapa italiana era la migliore al mondo come qualità e la seconda in quantità di produzione.

Ormai in tutto il mondo, la cannabis sta riscoprendo una nuova giovinezza, grazie alla presa di coscienza della popolazione sui problemi climatici e sulle terapie mediche alternative. Dalla canapa infatti, si ricavano molteplici materiali, tutti completamente biodegradabili.

Per concludere, auspichiamo nella presa di coscienza dei governi per lasciarsi alle spalle anni di becero proibizionismo senza risultati ed ad avviare politiche economiche ed agricole basate su economie circolari a salvaguardia dell’ambiente.

Errare è umano ma perseverare è diabolico.

 

Vi consigliamo di leggere anche: https://www.ercanaparo.com/e-lora-della-cannabis-terapeutica/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *