Coltivare con la luna

Già nell’antichità, una delle tecniche per stabilire il giusto momento di semina e raccolto era quella di guardare la luna. Secondo molti, l’attrazione gravitazionale che la luna ha sulla terra e che influenza le maree, ha effetti anche sulla linfa delle piante. Questo moto rivoluzionario che avviene ogni 29 giorni è diviso in “fasi”, 8 per l’esattezza.

Per la coltivazione della nostra pianta preferita esistono specifiche attività per ogni fase lunare:

Il periodo che va dalla luna nuova al primo quarto crescente è il periodo migliore per germinare i nuovi semi e per il trapianto. In questo periodo il suolo trattiene i liquidi e l’umidità è massima, agevolando la rapida crescita delle radici.

La luna piena è quella indicata per il raccolto poiché i principi attivi sono tutti nel fiore.

 

Potatura e taleaggio vedono il loro periodo migliore nelle fasi di luna calante, cosi come le operazioni per il trattamento contro insetti infestanti e malattie e di preparazione di compost.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *